Logo_ANSPI_ZONALE_RE_cornice_tricolore

"La fede in dialogo": un nuovo ciclo di cineforum al cinema parrocchiale di Rivalta (RE) dal 7 novembre.

Ogni sera si parte con una breve presentazione del film, cui segue la proiezione. Poi viene aperto il dibattito, aiutato da una scheda esplicativa distribuita all'ingresso. Al termine ….un  brindisi della buona notte.


Questo il programma completo :


Giovedì 7 novembre 2013 - ore 20,30 
In un mondo migliore  di Susanne Bier (2011)
Il dottor Anton, che opera in un campo profughi in Africa, torna a casa in una tranquilla cittadina danese. Qui si incrociano
le vite di due famiglie e sboccia una straordinaria ma rischiosa amicizia tra due giovani. La solitudine, la fragilità e il
dolore, però, sono in agguato... 
presenta Giovanna Bursi, docente ed esperta di educazione all'immagine

Giovedì 14 novembre 2013 - ore 20,30
Lourdes di Jessica Hausner (2009)
Durante una settimana di pellegrinaggio a Lourdes, una giovane donna comincia a camminare: miracolo o gli alti e bassi
della malattia? domande profonde e irrisolte. Christine, la protagonista, cerca di tenersi stretta questa nuova occasione di
felicità, mentre la sua guarigione suscita invidia e ammirazione…
presenta  Gian Lauro Rossi, critico e redattore rivista EDAV (Educazione AudioVisiva) 

Giovedì 21 novembre 2013 - ore 20,30 
Il responsabile delle risorse umane  di Eran Riklis (2010)
Licenziamenti ed assunzioni sono all'ordine del giorno. Il film, tratto da un romanzo di Abram B.Yehshua, sviluppa
un’interessante tematica, su quattro livelli: l’interiorità dell’essere umano, il contesto storico, la politica e il ruolo dei mass
media. Chiave di lettura la canzone “Sorella gente”.
presenta Eugenio Bicocchi, regista e docente di linguaggio cinematografico

Giovedi 28 novembre 2013 - ore 20,30 
Miracolo a Le Havre di Aki Kaurismachi (2011)
Il regista finlandese intona a modo suo le beatitudini degli “ultimi” della terra, un lustrascarpe e un clandestino, che la vita
unisce  e la provvidenza salva. È un autentico gioiellino, una commedia umana di sublime nobiltà. 
presenta Flavia Rossi, docente ed esperta di linguaggio cinematografico

 

E' singolare, ma vero che dopo 50  anni da quelle prime esperienze di “cine-forum “, con pellicole in celluloide si torni  a Rivalta ad una formula che sembrava spazzata via dai nuovi mezzi di informazione e cultura, come la televisione satellitare, i dvd, le usb e tutte le diavolerie elettroniche che ben conosciamo. Strumenti della modernità che quasi ci sommergono di parole, suoni, immagini, dalle più strampalate alle più ricercate e fascinose: si potrebbe dire, usando una formula cara ai fisici,  che andiamo dall' infinitamente grande all' infinitemente piccolo. Però senza una guida, , un criterio di “lettura “ appropriato, rischiamo solo di rimanere sbalorditi o confusi....di andare a sbattere !  Eppure se ci mettiamo davanti ad uno schermo grande, come quello del cinema, senza interruzioni pubblicitarie, nel buio e nel silenzio della sala, possiamo cogliere e godere le più alte espressioni artistiche, i moti interiori dell'animo, le ragioni e le passioni che coinvolgono tutti nella narrazione filmica...e poi discutendone insieme, possiamo portare “ a casa “ molto di più in valori spirituali, morali ed umani rispetto ad una semplice spettacolo cinematografico. Questo è il cineforum bellezza ! Ecco allora che a partire dalla sera di Giovedì 7  Novembre iniziano i cineforum d'autunno al Cinema Teatro “ Corso “ di Rivalta  su  un filone di riflessioni  " La Fede in dialogo : cinema e cultura " , proprio a chiusura dell' Anno della Fede, con opere filmiche di indiscutibile contenuto etico e di alta qualità. Il coordinamento del Cineforum è stato affidato  al Circolo di cultura “ Giuseppe Toniolo “ di Reggio Emilia, che opera in stretta collaborazione con la Parrocchia di Rivalta, l'ANSPI e l'ANTEAS, per  assicurare  anche il più ampio coinvolgimento del mondo giovanile e della terza età .
La Chiesa nell'era di Papa Francesco ci offre  formidabili stimoli e indicazioni in questa direzione, che i film metteranno in tutta evidenza. Il Vescovo di Roma, con  i suoi gesti più ancora che attraverso la sue parole, provoca a interrogarsi su quale sia il significato e la forma della presenza cristiana nel mondo contemporaneo. L’accento insistentemente posto da Francesco sulle dimensioni della tenerezza, dell’ascolto, dell’incontro, della solidarietà, della misericordia sollecita a convergere l’attenzione sull’esperienza del dialogo come via privilegiata dell’evangelizzazione. Infatti la verità testimoniata dalla fede cristiana coincide con l’amore di Dio in Gesù Cristo a favore di ogni uomo e di ogni donna; dunque si dà in una relazione interpersonale e non immediatamente in una formula dottrinale o in una norma morale. Di conseguenza, ognuno riconosce la verità (di Dio e di se stesso) a partire dalla sua storia, dalla sua cultura, dalla situazione concreta in cui vive: tutte dimensioni che possono essere tenute in conto solo all’interno di un rapporto dialogico, in cui ciascun interlocutore si lascia coinvolgere in prima persona e con la disponibilità ad un’apertura reciproca.

Sei in

Home > News ed Eventi > News ed Eventi Locali > QUATTRO CINEFORUM SUL TEMA DELLA FEDE