DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

del COMITATO REGIONALE ANSPI

(dallo statuto del Comitato Regionale ANSPI dell'Emilia-Romagna)

 

Art. 4 - SOCI

4-1. Sono soci dell'Associazione i Comitati Zonali della regione ecclesiastica dell'Emilia-Romagna affiliati all'Associazione Nazionale San Paolo Italia (ANSPI).

4-2. L'adesione all'Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo.

4-3. Tutti i soci sono effettivi e come tali hanno diritto di partecipare a tutte le attività dell'Associazione e sono a loro disposizione le strutture, i mezzi e le attività dell'Associazione: il tutto con le modalità e nel rispetto delle norme stabilite dai regolamenti d'uso interni vigenti.

4-4. I soci pagano la quota annua nella misura deliberata dal Consiglio Direttivo.

4-5. Tutti i soci hanno parimenti diritto elettorale attivo e passivo ed hanno espressamente:

- il diritto a partecipare ad ogni attività associativa:

- il diritto di voto per l'approvazione delle modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'Associazione;

- il diritto di voto per l'approvazione del bilancio o rendiconto economico e finanziario annuale, nei tempi e modi stabiliti dallo statuto;

- il diritto a poter usufruire dei servizi resi all'Associazione direttamente e indirettamente dall'ANSPI.

4-6. Tutti i soci sono obbligati a versare le quote associative e le somme integrative, così come deliberate dal Consiglio Direttivo a titolo meramente risarcitorio delle spese sostenute per le attività istituzionali e per la produzione di eventuali servizi forniti ai soci o a particolari categorie tra questi identificate. La quota o contributo associativo, oltre che non trasferibile non è mai rivalutabile.

4-7. Rientra nei doveri di ciascun socio sono, tra gli altri, anche:

- sostenere e collaborare alle attività promosse dall'Associazione;

- partecipare alle riunioni e alle assemblee indette dal Consiglio Direttivo;

  

 

Essere socio del proprio circolo-oratorio ANSPI significa:

 

 

Sostenere una realtà al servizio della tua comunità;
* Condividere lo spirito associativo e di volontariato;
* Accedere alle strutture del tuo Oratorio-Circolo e degli altri gruppi ANSPI d'Italia;
* Partecipare alle attività organizzate dal tuo Oratorio-Circolo e dagli altri gruppi ANSPI d'Italia;
* Usufruire di tutti i servizi offerti dal tuo Oratorio-Circolo (attività estive, gite, soggiorni o campi scuola,corsi di formazione, doposcuola, momenti di festa, tombolate, cene, spettacoli teatrali, proiezioni,servizio bar ....) e da tutti gli altri Oratori-Circoli ANSPI;
* Usufruire delle agevolazioni consentite dalle leggi vigenti e previste per i soci sia nel tuo Oratorio-Circolo (sconti per servizi ed esercizi convenzionati, prezzi inferiori al bar, ecc.) che a livello nazionale attraverso convenzioni dell'ANSPI (assicurazione sulle attività, sconti, convenzioni e sponsorizzazioni, consulenze e sussidi...);
* Partecipare alle iniziative e ai progetti promossi dal comitato regionale ANSPI dell'Emilia-Romagna
* vivere concretamente, da protagonista, il tuo cammino di maturazione umana e cristiana nel tempo libero, insieme.

 

 

DIRITTI E DOVERI DEI SOCI / TESSERATI

del CIRCOLO-ORATORIO

(dallo statuto dei circoli-oratori ANSPI)

 

 

Art. 4 – SOCI

4 – 1 Possono far parte dell’Associazione tutte le persone di ambo i sessi che accettano gli scopi fissati dallo Statuto.

4 – 2 L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo.

4 – 3 Chi intende aderire all’Associazione deve presentare espressa domanda al Consiglio Direttivo recante la dichiarazione di condividere le finalità che l’Associazione si propone e l’impegno ad osservarne lo Statuto e i regolamenti.

4 – 4 Il Consiglio Direttivo entro due mesi esamina le domande presentate e dispone in merito all’accoglimento o meno delle stesse; in assenza di accoglimento entro il termine predetto la domanda si intende respinta.

4 – 5 La qualifica di socio è personale e non trasmissibile per nessun motivo e titolo.

4 – 6 L'ordinamento interno dell'associazione è ispirato a criteri di democraticità ed uguaglianza dei diritti di tutti gli associati, le cariche associative sono elettive e tutti gli associati maggiorenni possono esservi nominati. Pertanto, tutti i soci sono effettivi e hanno pari diritti. Come tali hanno diritto di partecipare a tutte le attività dell’Associazione: il tutto con le modalità e nel rispetto delle norme stabilite dai regolamenti d’uso interni vigenti.

4 – 7 I soci pagano la quota annua nella misura deliberata dal Consiglio Direttivo.

4 – 8 Tutti i soci maggiorenni hanno parimenti diritto elettorale attivo e passivo ad hanno espressamente:

- il diritto a partecipare ad ogni attività associativa;
- il diritto di voto per l’approvazione delle modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione;
- il diritto di voto per l’approvazione del bilancio o rendiconto economico e finanziario annuale, nei tempi e modi stabiliti dallo Statuto;
- il diritto a poter usufruire dei servizi resi all’Associazione direttamente e indirettamente dall’ANSPI.

4 – 9 Tutti i soci sono obbligati a versare le quote associative e le somme integrative, così come deliberate dal Consiglio Direttivo a titolo meramente risarcitorio delle spese sostenute per le attività istituzionali e per la produzione di eventuali servizi forniti ai soci o a particolari categorie tra questi identificate. Pertanto gli incarichi dei Consiglieri sono gratuiti.

4 – 10 La quota o contributo associativo, oltre che non trasferibile non è mai rivalutabile.

4 – 11 Rientra nei doveri di ciascun socio, tra gli altri, anche:

- sostenere e collaborare alle attività promosse dall’Associazione;

- partecipare alle riunioni e alle assemblee indette dal Consiglio Direttivo;

- tenere all’interno degli ambienti dell’Associazione il contegno più corretto sotto ogni aspetto, evitando atti contrari all’educazione e al decoro,  non tenendo altresì discorsi contrari ai principi morali;

- offrire volontariamente e gratuitamente la propria disponibilità per lo svolgimento dei servizi necessari alla gestione e al funzionamento dell’Associazione, secondo le necessità organizzative delle attività promosse.

4 – 12 L'associazione per il perseguimento dei propri fini istituzionali si avvale prevalentemente delle attività, prestate in forma libera e gratuita, dagli associati.

In caso di particolare necessità, l'associazione può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestatori di lavoro autonomo o professionale, anche ricorrendo a propri associati purché non ricoprano cariche associative.

Art. 5 – RINUNCIA, DECADENZA ED ESCLUSIONE DEI SOCI

5 – 1 Chiunque aderisca all’Associazione può in qualsiasi momento notificare la sua volontà di recedervi, con efficacia dal trentesimo giorno successivo a quello nel quale tale comunicazione è ricevuta dal Consiglio Direttivo, salvo che lo stesso Consiglio Direttivo nell’esaminare la richiesta non ne accordi un minor termine.

5 – 2 Oltre al caso di rinuncia, i soci perdono la qualifica di socio e decadono quando non provvedano al versamento delle quote associative annuali nei modi e nei termini previsti dal regolamento.

 

5 – 3 In presenza di gravi motivi il socio può essere escluso con deliberazione del Consiglio Direttivo. L’esclusione ha effetto dal quindicesimo giorno successivo alla comunicazione di tale decisione all’interessato. Tale comunicazione deve contenere i motivi per i quali è stata deliberata e qualora l’escluso non li condivida può adire il procedimento arbitrale di cui al presente statuto.